parole e immagini



Fin da bambini abbiamo imparato o meglio avremmo dovuto imparare, a sviluppare una delle facoltà di giudizio apparentemente più semplici e ad emettere con sufficiente sicurezza la sentenza: « Mi piace - Non mi piace ».

Ben altre difficoltà comporta esprimere un giudizio di “ bello – non bello ” per le implicazioni di ordine estetico-filosofico-culturali insite nella valutazione del “bello” come “intrinseco-oggettivo-soggettivo.”

L’empatia è un’altra facoltà primordiale ereditata alla nascita ma quante persone possono dichiarare di averla nutrita abbastanza da svilupparla fino a “ viverla pienamente” nei rapporti quotidiani?

Dell’esattezza o meno di un nostro giudizio empatico si può trovare conferma solo nella sincerità di chi abbiamo davanti o un flebile riscontro nel suo comportamento reale (non filtrato da una nostra interpretazione). Se l’empatia non è matematica, se le conclusioni non sono certe, se può lasciare dubbi o procurarne nuovi, si può affermare che serva a qualcosa? Il ‘quanto serve’ è direttamente proporzionale a due fattori:

1. quanto ci interessa sviluppare e arricchire le nostre capacità di interrelazione nei rapporti interpersonali.
2. quanto ci interessano ‘gli altri’

Per saperne di più, per utilizzare le immagini come esercizio e dare una mano agli ‘”altri” lavorando su se stessi, percorrete il sentiero verso il faro, salite sulla barca e seguitemi.

Se preferite semplicemente navigare nel mare dei colori, siete e sarete comunque benvenuti.


Un Click per saperne di più

Ombre Luci Sfumature




Un click sulle immagini per ingrandirle.
Un click sul titolo del Post per accedere alla sua pagina completa di commenti.
Un click sulle voci 'commenti' o 'posta un commento' per inserire le Vostre considerazioni.
Buona navigazione.


La formula del blog :
Immagine=sensazioni + stato d'animo/atteggiamento
la variabile fondamentale della formula siete Voi stessi.
Ghost

sabato 21 giugno 2008

# GH0009 Set 01




immagine appartenente al set di valutazione 01/2007.
I relativi commenti verranno pubblicati al termine del periodo di valutazione.

7 commenti:

  1. "Pace" e "Beatitudine".
    La colomba della pace indica la strada verso altri mondi, forse verso la beatitudine.
    O forse è solo un sogno.

    RispondiElimina
  2. Stato d'animo:senso di libertà imminente,sollievo da una condizione di stress psico-fisico, fuga da una situazione difficile e di speranza.DOMINANTE>sollievo

    E' una delle immagini che mi ha colpito di più e che mi da un senso di sicurezza notevole.Sembra di sentire l'odore del mare e il calore del sole.Le scale sembrano suggerire una via per uscire da una situazione difficile o per lo meno incoraggiare a trovarne una "reale"

    RispondiElimina
  3. Un passaggio verso la luce, il calore, l'amore di chi ci ama dall'alto, sensazione di protezione, di conforto

    Stato d'animo dominante = conforto

    L'idea di mondo nuovo, sereno.... dove ritrovi i sentimenti del passato che sono li' ad aspettarti....
    ma vedo un percorso difficile, tortuoso per arrivare alla meta....di pace? serenita?

    Atteggiamento = difficolta'

    RispondiElimina
  4. Titolo: la pace dei sensi

    RispondiElimina
  5. STATO D'ANIMO=CURIOSITA'
    ATTEGGIAMENTO=SPERANZA
    Mi piace, è l'immagine che mi ha colpito di più. L'ho guardata in momenti diversi, ogni volta lo stato d'animo è cambiato, uno è dominante CURIOSITA' e in misura minore una vaga PAURA. Non riesco a scinderle e a scegliere.IL MARE è la Vita con le gioie e i dolori,
    certo qui è raffigurato calmo ma, le nubi all'orizzonte possono far cambiare il tempo in ogni momento, quando meno te lo aspetti e quindi curiosità e paura perche non sai mai cosa accadrà. ma la figura dominante è LA SCALA..è irta, non si vede la fine perchè e proiettata verso il cielo, all'infinito, è lunghissima e non ha la ringhiera ma, i fiori nascondono questa difficoltà e la rendono colorata e rassicurante come la luce nella quale si immerge ...una colomba bianca ai piedi della scala??buon auspicio di pace e serenità...è il passaggio dalla vita terrena alla vita eterna???ho tanta fede ma sono ...umana...CURIOSITA' e paura-

    RispondiElimina
  6. Giardino/Deserto12 gennaio 2008 22:27

    Nell' immagine si vede una strada che inizia il suo percorso nel suolo terrestre e sfuma in alto nel cielo tra le nuvole.
    é composta da tappe e ognuna è rappresentata da un gradino più o meno ripido più o meno stretto, ai lati non vi sono balaustre di protezione ma fiori e piante selvatiche, lentamente sale sempre più , talvolta dolcemente, lasciando dietro di sè un prato verde, sotto c'è il precipizio con l' infinita distesa marina...
    Una colomba, simbolo della pace, tenta di far ritorno nella sua casa perchè non ha compiuto la sua missione, portando da altri universi parole di sostegno e conforto negli animi inquieti e ribelli di molti abitanti della Terra.
    Ora sta a noi tentare di percorrere la strada dela vita con la pace che ci è stata donata!
    Ma la strada è molto ripida e io, ancora, spesso inciampo, cado e non riesco a risollevarmi, nel mio torpore e nella mia confusione guardo il mare e temo di non farcela, guardo in alto verso l' apice della scala e spero di trovare ancora la forza per proseguire il cammino...

    RispondiElimina
  7. Mi ritorni in mente18 aprile 2009 13:15

    Allora, non so da quanto fosse iniziata la sua vita, di sicuro so, era al principio di quella scala, e credo che quei colori, quella immensa tranquillità, quella atmosfera tiepida e frizzante che ti lascia sulle guancie il sole di primavera, allora non fosse sempre presente. Era come un gomitolo di fili intrecciati in modo disordinato, fili di lana, di seta, colorati, argentati, fili di fiori, di foglie, fili di pianti senza motivo, di gioie e risate.. era un gomitolo aggrovigliato senza, a volte, nè capo nè coda, rotolava, rimbalzava... era ai piedi di quella scala, ma non sapeva ancora sollevare lo sguardo verso l'alto. Eppure, bastava poco; bastava credere in se stessi, bastava inspirare profondamente e riempirsi di tutto quello che intorno a quella scala cresceva.. un gomitolo che aveva tanto da imparare! Un giorno, come per incanto, nel rimbalzare, andò a finire sul primo scalino, evvaii!!! Quale emozione, forse una mano amica l'aveva spinto un po' più su, e quale emozione nell'accorgersi che qualche filo incominciava a sbrogliarsi, era sempre più grande l'emozione, e sempre più grande la mano amica che sapeva, senza troppe parole indicare il percorso... quanta dolcezza, quanto amore, quanta delicatezza, sensibilità, attenzione. Una spinta, evvaiii, ancora più su, un altro gradino e tutto, intorno, ancora più bello, più emozionante... una mano amica, poi ancora una e ancora altre... sempre più in alto e sempre più grande e più profonda l'emozione nello sbrogliarsi al sole....

    Mi Ritorni in Mente

    RispondiElimina

Al fine di evitare lo spam, I Vostri graditi commenti saranno pubblicati previa autorizzazione da parte dell'amministratore del Blog. Grazie.
.
Per inserire un commento seleziona il profilo Nome/Url
scrivi il tuo nome e se non hai un sito-blog lascia in bianco la voce Url.
.